Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

Contrordine sul DAB: Svezia e Finlandia ci ripensano

Di LC, 18 Apr 2015 - 09:48 (Ultima modifica: 22 Apr 2015)

Altri gruppi

Dopo l'annuncio norvegese di un abbandono dell'FM nel 2017, una relazione della Riksrevisionen (ente paragonabile alla Corte dei Conti in Italia) critica l'eventualità di un passaggio al DAB in Svezia che, dopo la Finlandia (che lo ha già fatto da alcuni anni) sembra essere il secondo paese europeo ad abbandonare la radiofonia digitale. Un secondo segnale, questa volta contrario, anche per l'Italia?
Tra i tanti guai del DAB la necessità di rimpiazzare milioni di autoradio. Nella sola Svezia - in prospettiva 2022 - sarebbero ancora 3,6 milioni i mezzi senza DAB. Basterebbe questo, in un Paese di meno di 10 milioni di abitanti, per domandarsi se lo "switch-off" sia realmente possibile senza danneggiare la società, costi a parte. Ed è la domanda che la Riksrevisionen si è posta in una inchiesta durata un anno e resa nota in concomitanza, del tutto casuale, con la decisione norvegere di passare al DAB già nel 2017. In Svezia, invece, il passaggio non avverrà poiché l'inchiesta ha dimostrato che la piattaforma DAB+ "non sarà probabilmente conveniente da un ampio punto di vista sociale" e dunque "la scelta migliore è mantenere la rete FM network" ha concluso il revisore nazionale Margareta Åberg, estensore del rapporto. Il Ministro della cultura dovrebbe prendere una decisione finale il mese prossimo ma i commentatori sono pressoché unanimi nel ritenere dopo vent'anni di sforzi per introdurre il DAB in Svezia il sistema sarà abbandonato.
Il rapporto (in svedese) è pubblicato su: http://www.riksrevisionen.se/PageFiles/22004/RiR_2015_05_DAB_ANPASSAD.pdf
Se ne attende un riassunto in inglese che dovrebbe essere diffuso su:
http://www.riksrevisionen.se/en/Start/Audit-reports/
2609 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Commenti

Aggiungi un nuovo commento
  1. DAB in Nord Europa
    Come al solito i Paesi scandinavi prima d'immettere in diffusione nuove tecnologie fanno studi approfonditi sull'impatto che possono avere sullo stato sociale delle popolazioni. Giusto pertanto mantenere la FM anche se tecnicamente inferiore (lievemente) al DAB. Ci guadagnerebbero altrimenti i produttori degli apparecchi radio ( e non poco dato che tutti i cittadini dovrebbero sostituire l'attuale radio). In particolare ne risentiremmo noi data l'attuale situazione economica che stiamo passando.
  2. Svezia DAB addio, arrivano le Onde Lunghe
    Ai primi giorni di maggio le trasmissioni in onde lunghe dal sito di Motala riprenderanno con un nuovo trasmettitore e potenza ridotta rispetto al precedente. Probabilmente per la Svezia risulta più conveniente gestire un trasmettitore in onde lunghe per i programmi di pubblica utilità che migliaia di siti in DAB.
    La frequenza dovrebbe essere 191 kHz. Gli attuali trasmettitori in onde lunghe e medie sono tutti a stato solido con classe di efficienza intorno al 90 % e con lavori di efficientamento al sistema radiante sicuramente si farà ascoltare dalle nostre parti. Purtroppo, all'estero come in Italia, vale la regola di smantellare ciò che poteva essere reso più efficiente in cambio di una tecnologia che a vent'anni dalla sua introduzione sembra non convincere molto.
  3. Test da Motala
    La voce "Motala" di Wikipedia riporta: "Since 1991 there have been no longwave transmissions at all by the Swedish Broadcasting Company, but the Motala transmitter, which is a museum today, sometimes makes low power transmissions which may only be receivable in the Motala area."
    Potrebbe trattarsi, quindi, di una trasmissione di routine. E' bello, però, vedere che il sito è stato conservato e valorizzato anche dopo la fine delle trasmissioni ufficiale.
Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
Radio Capodistria
Rete Rossa:
RAI (Radio Classica)
Rete Azzurra:
RAI (Isoradio)
Rete Verde:
Italradio (Prove tecniche)

ItalWebRadio

Notiziario Italradio 17 dicembre 2017
Nasce il portale Vatican News; allo studio nuove norme per radio e televisione on line in Europa; il francobollo bielorusso sulla radiotelevisione Mir; il notiziario Italradio torna nel 2018.

Notiziario Italradio 10 dicembre 2017
Pubblicato il nuovo saggio di Italradio; incontro sulla radio e il digitale a Roma; sempre vivo l’interesse per Coltano; emissione congiunta per celebrare la radiotelevisione Mir.

Notiziario Italradio 3 dicembre 2017
Annunciato il Contest Attilio Leoni 2018; i 50 anni di Euroradio; la personalita' dell’anno a Radio Romania Internazionale; la busta postale russa per il 90.o anniversario del CCIR/ITU-R.

Notiziario Italradio 26 novembre 2017
Proposta la vendita obbligatori di apparecchi radio con ricezione digitale; il direttore della RTV Slovena in visita a Capodistria; celebrato a Ginevra il 90.o anniversario del CCIR/ITU-R; presentato il francobollo per Carosello.

On line

1 utente registrato e 82 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.