Attualità: No a tagli per tvsvizzera.it, mozione al Parlamento di Berna

Di LC, 01 Mar 2016 - 21:05

Web [1]

Immagine 0 per No a tagli per tvsvizzera.it, mozione al Parlamento di Berna
La sessione parlamentare iniziata in Svizzera il 29 febbraio viene interessata anche da una mozione contro tagli che potrebbero ridurre di un terzo il contributo per il sito www.tvsvizzera.it destinato al pubblico italofono fuori della Confederazione. Parallelamente una mozione contro altre riduzioni dei finanziamenti al portale www.swissinfo.ch (ciò che resta della gloriosa Radio Svizzera Internazionale [2]) riceve un parere negativo del Governo.
La SSR (rtv pubblica svizzera) intenderebbe tagliare mezzo milione di franch (circa 460.000 euro, un terzo del budget totale) dal bilancio del portale RSI indirizzato ad un pubblico italofono interessato alla Svizzera. Lo sostiene, secondo il giornale radio della stessa RSI, la Deputazione ticinese alle Camere di Berna (primo firmatario Giovanni Merlini, unico astenuto Marco Romano) che giudica il provvedimento “particolarmente incauto in un momento delicato per la coesione nazionale e la reciproca comprensione transfrontaliera”.
Anche un’eventuale spostamento del sito a Berna - affidandone la gestione a Swissinfo.ch- viene ritenuto “poco opportuno” in quanto pregiudicherebbe la vicinanza con i temi della Svizzera italiana.
Intanto riceve un parere negativo la mozione presentata dal deputato ticinese Filippo Lombardi lo scorso dicembre contro altri tagli proprio a Swissinfo. Il portale, resto della gloriosa Radio Svizzera Internazionale [3], se perdesse un milione di franchi della Confederazione (come si teme secondo il programma di stabilità 2017-19) vedrebbe ridursi quasi automaticamente di un milione anche quello da parte della SSR e di conseguenza Swissinfo perderebbe in pratica entrate pari a 2 milioni.
Il Consiglio federale (Governo) nel dare parere negativo alla mozione sottolineva lo scorso 24 febbraio che l'andamento delle entrate tributarie elvetiche sarebbe in calo e ciò potrebbe giustificare minori risorse sebbene esso presupponga "che nei prossimi anni, in rapporto all'offerta destinata all'estero, concordata con la SSR per il periodo 2013-2016, nessuna prestazione dovrà essere soppressa a causa delle misure di risparmio. Grazie al calo del tasso di rincaro degli ultimi anni, le produzioni proprie dovrebbero poter essere realizzate in modo più conveniente. Inoltre il corso di cambio (franco/euro) avrà un effetto positivo sui contributi finanziari diretti per TV5 Monde".

Ultime notizie riguardanti Attualità & Web

Nessun commento

Aggiungi un nuovo commento
Links
  1. http://portale.italradio.org/index.php?module=News&func=view&prop=Topic&cat=10024
  2. http://www.swissinfo.ch
  3. http://www.swissinfo.ch
  4. http://portale.italradio.org/index.php?module=News&func=display&sid=4020
  5. http://portale.italradio.org/index.php?module=News&func=display&sid=4017
  6. http://portale.italradio.org/index.php?module=News&func=display&sid=4014
  7. http://portale.italradio.org/index.php?module=News&func=display&sid=4013
  8. http://portale.italradio.org/index.php?module=News&func=display&sid=4010