Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

1920: le radici italiane della radio argentina

Di LC, 01 Set 2016 - 22:13 (Ultima modifica: 02 Set 2016)

Storia e rievocazioni

Il 27 agosto in Argentina si è celebrata la giornata della radio, in ricordo della trasmissione, avvenuta quel giorno nel 1920, dal Teatro Coliseo di Buenos Aires ad opera della Sociedad Radio Argentina. L'orchestra e il coro del Teatro Costanzi di Roma, l'attuale Teatro dell'Opera, eseguirono il Parsifal di Wagner. L'estate 1920 fu davvero il tornante della storia della radiodiffusione, ma fu il Belgio a trasmettere regolarmente per primo nel 1914, sempre con l'idea di un italiano.
Già nel giugno 1920 il soprano australiano Nellie Melba fu protagonista di una trasmissione pionieristica dalla fabbrica di Chelmsford della società Marconi, in cui si cantarono arie di opere celebri. Il 23 settembre 1920 D'Annunzio, con l'aiuto di Marconi, lanciò dall'Elettra la prima trasmissione politica della storia, dalle acque di Fiume. Il programma fu disturbato da alcune stazioni jugoslave che inconsapevolmente inventarono il jamming.
Un mese prima e poi dal 2 novembre 1920 la KDKA di Pittsburgh divenne la prima stazione radio organizzata e regolare.
L'esperimento argentino del 27 agosto 1920 che ora è celebrato nel Paese australe come giornata della radio, fu realizzato con piccolo microfono, un trasmettitore di scarsa potenza e le antenne allungate sul tetto del teatro Coliseo. Enrique Telémaco Susini, il medico argentino che con quattro amici realizzò la trasmissione, diventò un importante imprenditore radiofonico, cinematrografico e televisivo, partecipando alla stessa fase iniziale della tv del suo Paese dopo avervi iniziato la radio.
Sembra tuttavia che la prima vera trasmissione regolare sia stata realizzata a Laaken, dal Palazzo Reale belga, per i concerti promossi dalla Regina Elisabetta del Belgio. Diffusi per 5 mesi regolarmente, i concerti furono interrotti dall'invasione tedesca che costrinse i belgi a distruggere gli impianti. Decisiva per la riuscita di quegli esperimenti fu l'opera di un brillante tecnico italiano, l'ing. Giovanni Battista Marzi.
Italradio ha trattato questi temi in:

La Radio Argentina ha ricordato l'evento di Buenos Aires.
Ricordiamo che la RAE - Radiodifusión Argentina al Exterior trasmette in italiano ogni sera dalle 20 alle 21 (18-19 UTC) su 15345 kHz.
1526 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Nessun commento

Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
Radio Capodistria
Rete Rossa:
Special Broadcasting Service
Rete Azzurra:
RAI (Isoradio)
Rete Verde:
Romania 1989 (Seconda puntata)

ItalWebRadio

Notiziario Italradio 20 novembre 2018
Il 24 novembre l'assemblea della Comunita' Radiotelevisiva Italofona; nuovi orari dei programmi internazionali in italiano; la radio argentina per l'estero compie 60 anni; nuova emissione delle poste tedesche sulla storia della televisione.

Notiziario Italradio 13 ottobre 2018
Si è svolto a Lugano il Premio Moebius 2018: dichiarazione di Alessio Petralli; sempre alta la fiducia degli italiani nella radio; cambia la distribuzione dei programmi Rai negli Stati Uniti; Radio Belgrade in un francobollo serbo.

Notiziario Italradio 6 ottobre 2018
Si completa il programma del XV Forum Italradio; la Svizzera abbandonera' la TV via etere; nuovo concorso di Radio Romania Internazionale; due collezioni sul tema radiofonico iscritte a Veronafil.

Notiziario Italradio 29 settembre 2018
Annunciato il XV Forum Italradio; possibile chiusura per il programma italiano dall'Iran; parte il palinsesto invernale di Radio Capodistria; Qui Italradio ritrasmesso anche da Radio Radicale.

On line

1 utente registrato e 119 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.