Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

Fine delle interferenze TV tra Italia e Paesi vicini

Di LC, 03 Dic 2016 - 09:42

Rassegna stampa

Soddisfazione dell'Unione Internazionale delle Comunicazioni (ITU) per il completamento dello spegnimento di 61 frequenze televisive italiane interferenti con servizi dei Paesi confinanti. In due comunicati il Ministero dello Sviluppo economico a Roma e l'autorità internazionale a Ginevra hanno espresso soddisfazione per il raggiungimento dell'obiettivo cui mancano solo alcuni spegnimenti nelle Marche sospesi a causa del terremoto.
Con chiarezza il sottosegretario Giacomelli ha sottolineato il "ritorno nella legalità internazionale" dopo decenni, ricevendo i complimenti di Houlin Zhao, segretario generale dell'ITU. I problemi con Francia, Malta e Svizzera erano stati risolti, informa il Ministero, nella prima metà del 2016 mentre le frequenze interferenti con Croazia e Slovenia sono state spente tra l’inizio e la fine di novembre. Nel complesso le frequenze spente sono state 61: 12 in Puglia, 10 in Abruzzo e Molise, 9 in Friuli-Venezia Giulia, 8 in Veneto, 5 in Emilia, 4 in Sicilia, 2 in Liguria e Toscana e 1 in Lombardia.
Contemporaneamente sono state messe a disposizione 26 frequenze coordinate in Piemonte, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Toscana e Sardegna, 18 delle quali sono state effettivamente assegnate in base alle richieste dei fornitori di servizi media audiovisivi.
Solo nelle Marche l’operazione è stata temporaneamente sospesa a causa del terremoto.
François Rancy, direttore dell'Ufficio radiocomunicazioni dell'ITU, Premio Italradio 2014, ha ringraziato i dirigenti italiani Eva Spina (Direttore generale della pianificazione dello spettro radio al Ministero) e Angelo Marcello Cardani (Presidente AGCOM) per il "loro contributo a portare le trasmissioni televisive italiane alla conformità internazionale" migliorando così la diffusione tv in Europa.
I comunicati:
Roma -http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/per-i-media/comunicati-stampa/2035613-mise-completato-lo-switch-off-delle-frequenze-interferenti
Ginevra - http://www.itu.int/en/mediacentre/Pages/2016-PR58.aspx
532 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Nessun commento

Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
RAI (Radio 3)
Rete Rossa:
Special Broadcasting Service
Rete Azzurra:
RAI (Isoradio)
Rete Verde:
Italradio (Prove tecniche)

ItalWebRadio

Notiziario Italradio 26 mar 2017
In vigore i nuovi orari delle trasmissioni in italiano su onde corte; Radio Tirana annuncia il prossimo abbandono delle onde corte; Gianni Valente critica la riforma dei media vaticani; la replica di monsignor Vigano' a Valente.

Notiziario Italradio 19 mar 2017
Resi noti i nuovi orari delle trasmissioni in italiano su onde corte; un editoriale sull'abbandono delle onde corte per l'Europa da parte della Radio Vaticana; la collezione di Italradio vince al Campionato Italiano Cadetti di Filatelia.

Notiziario Italradio 12 mar 2017
Soddisfazione a Capodistria dopo l'incontro con il ministro della cultura sloveno; i vescovi dell'Africa chiedono alla Radio Vaticana il ripristino delle onde corte; approvata la nuova concessione Rai; dubbi sulla legittimità della procedura di assegnazione delle onde medie.

Notiziario Italradio 5 mar 2017
Il ministro della cultura sloveno assicura che i diritti della comunita' italiana non saranno ridimensionati; elevato gradimento degli utenti per il servizio pubblico radiotelevisivo in Svizzera; mostra itinerante su Marconi; a Marconi dedicato anche un nuovo annullo delle Poste Italiane.

On line

1 utente registrato e 72 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.