Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

Una frequenza vaticana per RTL?

Di LC, 23 Dic 2016 - 15:49 (Ultima modifica: 04 Gen 2017)

Immagine 0 per Una frequenza vaticana per RTL?
Fonti romane riferiscono che dal 7 gennaio 2017 il canale FM 93,30 MHz della Radio Vaticana passerebbe in uso a Radio Zeta L'Italiana del gruppo RTL. Sullo sfondo il consolidamento della presenza della Radio Vaticana sulla rete DAB+ in Italia di RTL nella quale finora sarebbe stata ospite. La frequenza 93,30 MHz è attualmente dedicata dalla Radio Vaticana ai programmi nelle lingue europee che riceverebbero così un pesante ridimensionamento.
Se la notizia fosse confermata, si tratterebbe della seconda frequenza della Radio Vaticana ad essere concessa a terzi. Ma se la frequenza vaticana di 96,30 MHz trasmette i programmi della rete cattolica italiana InBlu, su 93,30 MHz sarebbe per la prima volta diffusa dal Vaticano una rete commerciale italiana.
Radio Zeta L'Italiana propone musica italiana sotto il motto "balla la vita". Radio Zeta ha già nella zona di Roma due piccoli impianti su frequenze vicine: 93,20 MHz da Palombara Sabina/Monte Gennaro e a 93,40 MHz da Sant'Oreste/Monte Soratte- Eremo Santa Maria delle Grazie.
La concessione permetterebbe alla Radio Vaticana di continuare ad utilizzare il canale DAB+ del Circuito nazionale Eurodab, sul quale trasmette anche RTL 102,5 e dove l'emittente pontificia è finora stata ospite.
Allo stato è impossibile valutare, anche da un punto di vista economico e per gli eventuali riflessi sull'etere romano, la motivazione dell'abbandono di una frequenza FM che trasmette programmi in tutte le lingue europee in una città dove si trovano persone di tutto il mondo.
Italradio, incredula in quello che si annuncerebbe come un nuovo strappo nella gestione della radio del Papa, esprime preoccupazione per l'eventualità che, dopo le drastiche riduzioni delle onde corte e la scomparsa delle onde medie, la Radio Vaticana perda anche su Roma la sua internazionalità.
Si ricorderà inoltre che un accordo con l'Italia, finanziato dalla Legge di Stabilità 2016, assicurava un servizio apparentemente simile alla stessa Radio Vaticana:
http://portale.italradio.org/index.php?module=News&func=display&sid=3533
E' già stato scelto un operatore di rete (Persidera SpA come da determina della Direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali del 23 giugno 2016) che deve mettere a disposizione del Vaticano la stessa capacità trasmissiva proveniente dalla rinuncia quattro canali TV: un’emittente radiofonica (che si supponeva DAB) ed una televisiva con “copertura nazionale” comunque “senza oneri” per il Vaticano" (Accordo Italia - Santa Sede in materia di radiodiffusione televisiva e sonora 14/15 giugno 2010). L'Italia garantisce infatti oltre 2 milioni di euro a questo servizio che ancora non è stato inaugurato.
1240 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Ultime notizie riguardanti Programmi & Altri gruppi & Primo piano

Commenti

Aggiungi un nuovo commento
  1. Radio Vaticana
    Penso che ormai il Vaticano immagini il futuro solo nel web. Così, invece. aumenta l'isolamento dai propri ascoltatori. Con lo spegnimento delle onde medie considerate superate e la cessione di canali in FM si ridurrà inesorabilmente al livello di radio parrocchiale. Mi dispiace per Papa Francesco ma penso che il suo canale di comunicazione più semplice e fruibile del web è stato affidato a persone che di comunicazione non capiscono nulla. I numeri di accesso al suo sito non sono una garanzia che sia il più fruito. È vero che bisogna adeguarsi ai tempi ma togliere gli essenziali canali di comunicazione come la radio a favore di piattaforme non ancora diffuse in modo globale e fruibili in modo semplice ed economico non mi sembra che sia opportuno da una emittente che dovrebbe servire i credenti con mezzi umili e consolidati. Il Papa è veramente al corrente di ciò che sta accadendo? Gli oneri vanno sicuramente ridotti ma togliere l'essenziale non è tanto in sintonia con la vocazione caritatevole di una religione così diffusa e importante come quella di Cristo.
Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
RAI (Radio 2)
Rete Rossa:
Pars Today (Prog. del mattino)
Rete Azzurra:
RAI (Isoradio)
Rete Verde:
Italradio (Prove tecniche)

ItalWebRadio

Notiziario Italradio 15 ottobre 2017
Prime indiscrezioni sulle nuove schede invernali dei programmi in italiano; il programma italiano della SBS pubblica una nuova produzione in podcast; migliorato il codec per la compressione AAC; da Aruba la storia delle comunicazioni in una serie di francobolli.

Notiziario Italradio 8 ottobre 2017
Nuovo concorso di Radio Romania Internazionale; a Italiafil oro grande per la collezione sul radioascolto; per Radio Capodistria l'onda media resta importante.

Attualita' 1 novembre 2017
Interviste a Loredana Cornero e a Marcelo Ayala dopo l'assemblea generale della Comunità Radiotelevisiva Italofona.

Notiziario Italradio 24 settembre 2017
Italradio annuncia la data del prossimo Forum; la Radio Vaticana cessa la produzione della Messa domenicale in italiano; difficoltà tecniche nell'aggiornamento del nostro sito podcast; il francobollo del Bangladesh per la Giornata Mondiale delle Telecomunicazioni.

On line

0 utenti registrati e 52 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.