Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

Meno GR alla Radio Vaticana, anche in italiano

Di LC, 14 Gen 2017 - 16:00 (Ultima modifica: 15 Gen 2017)

Trasmissioni

Continuano le ristrutturazioni della programmazione della Radio Vaticana. Confermata la concessione a Radio Zeta l'Italiana della frequenza di 93,30 MHz della Radio Vaticana su Roma. Per la prima volta una frequenza vaticana ad un'emittente commerciale. Quasi nessuna comunicazione agli ascoltatori. La notizia nei programmi romeni della Radio Vaticana, eveidentemente molto ascoltati a Roma. Accompagnano la decisione una pesante riduzione del programma francese e quella dei notiziari in italiano. Un magazine al posto del GR delle 19.30.
A partire dal 7 gennaio 2017, comunicava il giorno stesso, la trasmissione romena della Radio Vaticana, FM 93,3 MHz non ripeterà più il programma su Roma e dintorni. La radio ricorda che la trasmissione in lingua romena può essere ascoltata a Roma e dintorni alle 15.30 ora locale solo sul canale "Radio Vaticana Europa" in standard digitale DAB+ e sul canale 883 del digitale terrestre. La rinuncia ai 93,3, dice la redazione romena, si colloca nel "progetto di espansione per tutto il territorio italiano del canale "Radio Vaticana Italia" nello standard digitale DAB +".
Non ci risultano comunicazioni analoghe da parte di altri programmi. La presenza di numerosi romeni (sarebbero 100.000 nella capitale) mostra come la redazione abbia dovuto spiegare cosa accadeva. Significativo che il sacrificio dell'FM sia rappresentato con la necessità di espansione del DAB in Italiano nella penisola, tanto che, in mancanza di altri dati, sarebbe possibile considerare il valore della frequenza FM sulla sola capitale pari a quello di una rete DAB nazionale.
Ma la destrutturazione della programmazione della Radio Vaticana prosegue: dal 16 gennaio, considerando che nei prossimi mesi vedrà la luce un nuovo portale unificato dell'informazione vaticana e si accrescerà la presenza nelle reti sociali e che occorre rispondere alle restrizioni budgetarie, la redazione francese resterà in onda coi giornali delle08.15, 13.00 e 18.00 perdendo il programma di approfondimento di 20 minuti delle 21.30 un tempo ascoltabile in tutto il mondo anche grazie alle radio cattoliche che lo riprendevano ed ora ne sono private.
Simili riduzioni interessano anche il programma italiano che sembrava rimanere prioritario per la spinta verso il DAB e che invece "a seguito della integrazione della Radio Vaticana nella Segreteria per la Comunicazione" a partire da lunedi 16 gennaio 2017 perderà il radiogiornale italiano della Radio Vaticana in diretta delle ore 19.30. Il programma sarà sostituito da una trasmissione registrata, denominata Radiovaticana Magazine che tratterà tematiche quali attività del Papa, Santa Sede, politica internazionale, società e politica italiana, Chiesa nel mondo, testimonianze, arte e cultura, fatti, commenti, inchieste e almanacco con il Santo del giorno dopo, senza però la freschezza delle ultime notizie.
Spariscono anche le edizioni (giorni feriali) del Radiogiornale italiano delle ore 12.00 e delle ore 17.00 che vengono sostituite, negli stessi orari, dai radiogiornali flash (durata di 3 minuti circa), prodotti da InBlu Radio (la rete della Conferenza episcopale italiana) come già avviene alle ore 10.00 – 11.00 – 15.00 – 16.00. In pratica gli appuntamenti informativi della Radio Vaticana in italiano si riducono a due: le 8 e le 14.
Radio né di flusso né di appuntamento.
510 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Ultime notizie riguardanti Schede & Trasmissioni & Primo piano

Commenti

Aggiungi un nuovo commento
  1. Ristrutturazioni della RV
    Spiace dirlo, ma da ascoltatore di lunga data vedo un decadimento progressivo ma inesorabile nella qualità del palinsesto della Radio Vaticana: sembra come se stessero prendendo il peggio di quelli delle radio private degli anni '70 e di quelli delle reti nazionali cattoliche.
    Il risultato è un insieme confuso, sempre più ripiegato esclusivamente sul Vaticano, e mi pare privo del respiro che un tempo era garantito da un'apertura ai fatti del mondo senza uguali e dell'attenzione costante per l'ascoltatore, che oggi è trattato come un costo, quindi un peso.
    Viene da chiedersi se chi prende queste decisioni abbia chiare le loro conseguenze profonde. Io, ormai, non ho più molti motivi per considerare la Radio Vaticana - né il futuro portale unico che con essa condivide il progetto - abbastanza attraente da essere inserita nelle mie stazioni preferite.
  2. Destrutturazione RV
    Una volta ascoltare la Radio Vaticana era un piacere. Ricordo le trasmissioni in FM stereo con il famoso Studio A, le interessanti trasmissioni in onde corte che ascoltavo durante i miei spostamenti nel mondo praticamente ovunque. Dopo la chiusura delle OC italiane era pur sempre una voce amica all'estero, senza trascurare il messaggio apostolico che le trasmissioni portavano nel mondo.
    Ora si sostiene che internet è meglio. Forse ma provate a collegarvi in internet dalla giungla del Borneo, li la radio arriva; internet è da ricchi anzi super ricchi perché solo il satellite ti aiuta...
  3. Ristrutturazioni della RV
    A mio avviso il nuovo Papa non crede molto nei media tradizionali, radio e tv evidentemente sono considerate obsolete, si preferisce smantellare piano piano i vecchi media per recuperare risorse da destinare in favore delle necessità della chiesa e delle opere di carità che possono portare la parola di Dio in modo più concreto ed efficace delle parole.
    Insomma vedo il nuovo Pontefice come una persona che crede più nei fatti che nelle parole.
Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
Radio Capodistria
Rete Rossa:
RAI (FD 5)
Rete Azzurra:
RAI (Isoradio)
Rete Verde:
Italradio (Prove tecniche)

ItalWebRadio

Notiziario Italradio 16 apr 2017
Si e' spento Gianni Boncompagni; problemi al trasmettitore della Radio Argentina al Mundo; una via di Firenze dedicata a Ettore Berbabei; aumentano le radio disponibili su Tivusat.

Notiziario Italradio 9 apr 2017
Trasmissioni pasquali in onde corte dal Vaticano; successo per il seminario della Comunita' Radiotelevisiva Italofona; annunciato un nuovo canale radiofonico per i bambini; un annullo per i radioamatori italiani.

Notiziario Italradio 2 apr 2017
Nuovo programma in italiano dal Canada; Mattarella elogia il ruolo sociale della radio; manutenzione straordinaria sul portale Italradio; la televisione cipriota in un francobollo.

Notiziario Italradio 26 mar 2017
In vigore i nuovi orari delle trasmissioni in italiano su onde corte; Radio Tirana annuncia il prossimo abbandono delle onde corte; Gianni Valente critica la riforma dei media vaticani; la replica di monsignor Vigano' a Valente.

On line

0 utenti registrati e 86 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.