Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

Bufera su Radio International di Bologna

Di PMo, 29 Mag 2017 - 22:11 (Ultima modifica: 29 Mag 2017)

Rassegna stampa

Ha suscitato un'ondata di unanime indignazione la puntata della trasmissione "Made in BO", di Radio International di Bologna, nel corso della quale un tifoso del Bologna si è augurato la caduta dell'aereo della Juventus, aizzato da uno dei conduttori che a sua volta ha auspicato la morte dei tifosi bianconeri. Inutile il tentativo del giornalista Leo Vicari, presente in studio, di dissociarsi. La radio ha fatto sapere di aver sospeso la trasmissione.
Le frasi che hanno scatenato la reazione pressoché unanime della stampa italiana («Questi riescono a rubare anche le partite che non contano. Io spero che venga giù l'aereo che li porta a giocare la Coppa dei Campioni», riferisce l'Agenzia Ansa) sono state trasmesse la sera del 27 maggio, dopo la partita Bologna-Juventus che si è conclusa con la vittoria degli esacampioni con il punteggio di 1-2. La stampa locale riferisce che il conduttore tifoso noto come "il Tosco" avrebbe insistito per lasciarle in onda aggiungendo «Vai avanti, continua: la tua non è affatto ipocrisia, io voglio la morte di tutti gli juventini» e coprendo la voce di Leo Vicari, che cercava di dissociarsi. Dalla regia nessuno è intervenuto per bloccare la telefonata. Il Tosco, dopo aver affermato che quanto detto era "metaforico", avrebbe concluso che quella in corso avrebbe potuto essere la prima puntata del nuovo format basato sul turpiloquio.

Secondo Repubblica il presidente della radio, Paolo Pedrini, ha dichiarato di aver sospeso la trasmissione ma di avere anche intenzione di chiedere i danni a chi ha diffuso l'audio delle frasi incriminate e non il successivo intervento dell'emittente. Secondo altre fonti, il rapporto con il conduttore sarebbe stato interrotto.

Italradio ritiene che questo episodio si commenti da solo ma, oltre a scatenare una doverosa ondata di riprovazione, dovrebbe anche suggerire una profonda riflessione sul diverso approccio all'informazione che i media tradizionali devono avere rispetto ai cosiddetti nuovi media.
Su questi ultimi, la partecipazione alla creazione e distribuzione di notizie è aperta a tutti e ha cambiato il modo di concepire l'informazione senza che ci fosse una seria riflessione critica sugli effetti che questo modello avrebbe avuto.
La tendenza in atto in molte radio e televisioni private di affidare ruoli da conduttore e da opinionista a personale non qualificato, mosso da passioni o interessi che non è in grado né di controllare né di instradare in riflessioni pacate e professionali, senza filtri e senza moderatori, non può che generare questi risultati. La fiducia nella radio che gli utenti europei hanno recentemente riaffermato non può essere ricambiata se non con una rinnovata capacità dei conduttori, dei registi e di tutti gli operatori che a qualsiasi titolo producono i programmi di padroneggiare le basi della comunicazione di massa. La rincorsa all'audience, per quanto comprensibile in emittenti private che vivono di pubblicità, non dovrebbe mai andare a discapito della qualità del contenuto radiofonico, garantito dalla professionalità dei suoi autori, né su radio locali né su network nazionali: la radio non è Internet e piace proprio per questo.
590 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Nessun commento

Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
Radio Tirana
Rete Rossa:
Radio Hit.alia
Rete Azzurra:
RAI (Isoradio)
Rete Verde:
Italradio (Prove tecniche)

ItalWebRadio

Notiziario Italradio 19 novembre 2017
Generale soddisfazione per il Forum Italradio; dall'EBU una campagna a favore dei servizi pubblici; giornata digitale in Svizzera; le comunicazioni militari francesi in un francobollo.

2017-11-12_notiziario_20171112
Il premio italradio 2017 assegnato alla memoria di Ezio Mognaschi; il tricolore della Radio assegnato a Piernando Binaghi; nuovi dati sugli ascolti della radio in Italia; busta postale russa per il 50° anniversario di Ostankino.

Notiziario Italradio 5 novembre 2017
Il programma del XIV Forum Italradio; polemiche sulla nuova codifica per la TV digitale; modificati i parametri della trasmissione satellitare di TV Capodistria; emissioni filateliche per il 50.o anniversario di Ostankino.

Notiziario Italradio 29/10/1017
A Roma un incontro di omaggio alla radio; manutenzione in corso sul trasmettitore di Croce Bianca; Radio Romania Internazionale inaugura un programma in ebraico; la radio nella prima guerra mondiale in un francobollo belga.

On line

0 utenti registrati e 71 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.