Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

L'Italia, la Rai, il DAB, troppo ottimismo?

Di LC, 27 Dic 2017 - 20:04 (Ultima modifica: 27 Dic 2017)

Rassegna stampa

La Rai potrebbe completare la propria rete DAB lungo "la T autostradale che collega Torino, Trieste e Palermo" entro il 2019 e l'anno successivo raggiungere il resto del Paese. Lo dice il direttore di radio Rai Roberto Sergio, citato nell'articolo "Onde FM addio, la radio suona digitale" pubblicato dal quotidiano romano "La Repubblica" il 27 dicembre 2017. Costi degli apparecchi e rapporto con le radio private al centro delle ipotesi sulla digitalizzazione.
L'articolo di Valentina Avon (pag. 21) spiega che "il cammino della radio dall'analogico della modulazione di frequenza al digitale terrestre è ormai irreversibile e cammina spedito" anche se i due sistemi per ora convivranno in Italia dove il Consorzio Dabitalia annuncia una copertura del 78% del territorio nazionale e l'arrivo su tutta la rete autostradale nel 2018 mentre Eurodabitalia avrebbe 52 trasmettitori per oltre il 70% della popolazione. Più indietro la Rai, al 40% del territorio ma pronto a raggiungere nel 2018 il 70% del territorio. A livello regionale - nelle 39 aree individuate dall'AGCOM - sono 251 i consorzi DAB costituiti dalle emittenti locali. L'obiettivo della RAI è stato spiegato dal direttore Sergio con l'obiettivo di portare il DAB+ in tutta Italia entro il 2020, un anno chiave per il DAB+ nel nostro Paese giacché da quell'anno tutto gli apparecchi in vendita in Italia dovranno assicurare per legge l'ascolto digitale. La legge non ha specificato quale sistema e gli switch off (passaggi integrali al digitale, come avvenuto in tv) sembrano lontani e costosi tant'è che "per molti - scrive Valentina Avon - l'acquisto di una radio DAB, costo da 50 euro in su, è ancora un rischio".

Purtroppo in un riquadro a lato del titolo il giornale annuncia lo spegnimento dei primi ripetitori "in Tirolo" cosa ovviamente non avvenuta dato che l'Austria è ancora lontana da avere il suo primo impianto DAB e la RTV pubblica (ORF) del tutto disinteressata dalla cosa: https://www.worlddab.org/country-information/austria
Il Tirolo di cui si parla è la Provincia Autonoma di Bolzano (Alto Adige - Süd Tirol) in cui qualche impianto della RAS (rete provinciale che assicura in primo luogo la diffusione di programmi delle nazioni vicine) dall'FM è passato al DAB+ dopo aver raggiunto col digitale il 99,5% del territorio:
https://www.ras.bz.it/it/la-radio-digitale-si-amplia-si-spengono-i-primi-impianti-fm/
2382 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Nessun commento

Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
Radio Capodistria
Rete Rossa:
Radio Alma (Brussellando)
Rete Azzurra:
RAI (Isoradio)
Rete Verde:
Italradio (Prove tecniche)

ItalWebRadio

Attualita' 12 gennaio 2019
Vittoria Mignone, direttore del Centro Ricerche, Innovazione Tecnologica e Sperimentazione della Rai, ci illustra le attivita' del centro stesso.

Attualita' 5 gennaio 2019
Antonio Arcidiacono, direttore per le tecnologie e l'innovazione dell'EBU, ci spiega la sua visione del rapporto tra tecnologie e società.

Attualita' 29 dicembre 2018
Lidia Gattini ci spiega le attivita' di NetLit Srl, che riguardano anche le onde medie italiane.

Attualita' 22 dicembre 2018
Intervista al direttore dell'Ufficio Radiocomunicazioni dell'UIT, François Rancy, alla vigilia della scadenza del suo mandato.

On line

1 utente registrato e 100 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.