Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

Vaticano: il Prefetto per le Comunicazioni si è dimesso

Di LC, 21 Mar 2018 - 15:34 (Ultima modifica: 08 Apr 2018)

Rassegna stampa

Il Prefetto della Segreteria (vaticana) per le Comunicazioni mons. D.E. Viganò ha lasciato l'incarico la mattina del 21 marzo 2018, dopo circa tre anni dalla costituzione dell'ente che ha assorbito la Radio Vaticana, il Centro televisivo e si apprestava a compiere una fusione dei mezzi di comunicazione della Santa Sede in un quadro di convergenza, oggetto di analisi e discussioni non solo tra gli esperti. Lo sostituisce provvisoriamente Mons. Lucio Adrián Ruiz, argentino.
La decisione di mons. Viganò non pare legata solo alla vicenda della lettera di Benedetto XVI diffusa parzialmente e poi emersa nella sua integralità dopo diversi giorni come sembra potersi desumere dal paragrafo iniziale dello scritto indirizzato a Papa Francesco lo scorso 19 marzo in cui Mons. Viganò parla di molte polemiche sollevate negli ultimi giorni "circa il mio operato che, al di là delle intenzioni, destabilizza(no) il complesso e grande lavoro di riforma che Lei mi ha affidato nel giugno del 2015 e che vede ora, grazie al contributo di moltissime persone a partire dal personale, compiere il tratto finale".
E della prosecuzione della riforma dei media parla anche il Santo Padre nella lettera di accettazione delle dimissioni, sia nominando mons. Viganò quale assessore della Segreteria per le Comunicazioni, sia riprendendo il tema del proseguimento della riforma “ormai giunta al tratto conclusivo con I'imminente fusione dell'Osservatore Romano all’interno dell'unico sistema comunicativo della Santa Sede e I'accorpamento della Tipografia Vaticana”.
Le due lettere (dimissioni e accettazione) appaiono ad una nostra prima lettura scritte rapidamente e può essere prematuro valutare da esse l’effettivo sviluppo della riforma dei media vaticani ma non può sfuggire come il Papa accenni agli incontri con Mons. Viganò e dichiari accogliere “non senza qualche fatica” le sue dimissioni.
Per il momento sostituisce Mons. Viganò il suo vice Mons. Lucio Adrián Ruiz, 53 anni, argentino, informatico, laureato alla Scuola Tecnica Superiore d’Ingegneri di Telecomunicazioni di Madrid. Un tecnico, dunque, che potrà svolgere un’opera significativa di analisi della situazione e delle diverse modalità di diffusione della radio compreso quel sito “versione Beta” da cui la Radio Vaticana sembra in parte sostituita da alcuni mesi.
I testi integrali delle lettere di mons. Viganò e del Papa sono su:
http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2018/03/21/0212/00461.html
525 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Ultime notizie riguardanti Attualità & Rassegna stampa & Primo piano

Commenti

Aggiungi un nuovo commento
  1. Le riforme di mons. Viganò
    Penso che al di là del taglia e cuci della lettera del Papa emerito ci sia ben altro. Viganò, grande sostenitore del web e nemico giurato delle fake news internettiane, combattente della verità assoluta su un web sempre più manipolazione, è vittima dei suoi stessi sistemi. La scelta di buttare giù le torri delle onde medie, il ridimensionamento e la dichiarata inutilità delle onde corte a favore della piattaforma internet che doveva garantire pluralità di comunicazione ed espressione dell'uomo si è rivelata forse troppo azzardata. Fondere varie entità dei media vaticani sotto una supremazia internettiana unica ha prodotto un'egemonia sull'informazione che nessuno si aspettava dalla Chiesa che doveva comunque garantire e tutelare tutte le entità che popolano la terra in nome del cristianesimo cattolico. Mi chiedo se verrà garantito che queste cose accadute non possano ripetersi in futuro. Un conto sono le fake news di parte laica e un conto giocare con la fede degli uomini.
  2. Radio Vaticana assente sul web
    Domenica delle palme senza Radio Vaticana: rilevamento effettuato alle ore 10.23.
    Il player del sito radiovaticana.va non è operativo.
    Il link radio del nuovo sito Vatican News, per ogni canale web, recita "nessuna trasmissione al momento".
  3. Radio Vaticana assente dal web (2)
    Per completezza aggiungo che RV è al momento ricevibile sul dtt ch. 733 e via satellite sul canale RV Europa.
  4. Radio Vaticana assente dal web (ora regolare)
    Dopo le difficoltà di domenica mattina, le trasmissioni sui canali web della Radio Vaticana sono regolarmente ascoltabili. Resta da comprendere la causa del temporaneo blocco di domenica 25/3/2018 rilevato dal nostro lettore.
Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
Radio Vaticana (Radiogiornale della sera)
Rete Rossa:
RAI (Radio Classica)
Rete Azzurra:
RAI (Isoradio)
Rete Verde:
Italradio (Prove tecniche)

ItalWebRadio

Notiziario Italradio 4 marzo 2018
Per Coltano possibile aiuto dall'estero; TV Capodistria cambia numerazione su TVSat; assegnato a Francois Rancy il Premio Lifetime Acheivement Award; annulli croati per il 75.o anniversario della morte di Tesla.

Notiziario Italradio 25 febbraio 2018
Il referendum sull'evoluzione del canone in Svizzera verso il no; il programma italiano di Radio Cairo diffuso in streaming; nuovo sito per Radio e TV Capodistria; il CP della Rai di Milano potrebbe essere spostato al Portello.

Notiziario Italradio 18 febbraio 2018
Celebrata la Giornata Mondiale della Radio; confermato il ritorno in onda della RAE; la ticinese Radio 3i batte il record mondiale di diretta; un francobollo per Nikola Tesla;

Notiziario Italradio 11 febbraio 2018
Mostra marconiana a Bologna; problemi al trasmettitore di Croce Bianca; Giornata Mondiale della Radio 2018; il 50° anniversario delle televisione israeliana in un francobollo.

On line

1 utente registrato e 70 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.