Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

Passaggio al DAB+, un'analisi dell'EBU

Di LC, 10 Mag 2018 - 09:00

Rassegna stampa

Un articolo pubblicato dall'EBU analizza, in termini positivi, il prospettato passaggio della radiofonia al DAB+ con riferimento alla crescita del settore, alla sua economicità e ai Paesi dove il sistema è più attivo.
Una nuova sigla: DSO, Digital Switchover (passaggio al digitale). Ma è tutto così bello?
Ammesso che il sistema DAB è attivo in Europa da oltre 20 anni, l'articolo di Ben Poor sottolinea il balzo in avanti compiuto nel 2017 dal numero di servizi disponibili e prevede che nel 2018 i canali digitali aumentino di un ulteriore 25%, incluse 468 programmi in funzione solo sul digitale, la maggior parte dei quali non di servizio pubblico. Secondo Poor ciò indica che le reti private stanno considerando la radio digitale come un'area a costi sostenibili per innovare il pubblico e raggiungere nuovi utenti. E' qui che si affaccia il DSO dato che, riferirebe uno studio della stessa EBU, i costi di distribuzione per coprire le singole nazioni europee al posto dell'FM rivelerebbero come DAB+ e banda larga (curiosamente insieme) sarebbero più efficienti delle alternative. Non essendo forniti dati precisi è difficile capire quali siano i vantaggi.
Intanto si illustrano i casi di alcuni Paesi. In testa la Norvegia, primo Paese con un programma DSO completato (limitatamente alle reti pubbliche) lo scorso settembre. L'aumento da 5 a 29 stazioni disponibili viene interpretato come la grande possibilità di far accettare un DSO vissuto con molti ostacoli. Anche la Svizzera sembra aver sposato l'idea di un DSO per il 2024 con un obiettivo 2020 per fare del DAB+ la piattaforma principale di distribuzione del segnale radio. Sia in Norvegia che in Svizzera il ruolo delle campagne di informazione è considerato fondamentale così come la regionalizzazione. La Danimarca invece ha pochi utenti del DAB+ ma confermerebbe la via al DSO
con la chiusura dell'FM nei due anni successivi al superamento del 50% di ascolto in digitale o comunque nel 2021. Attualmente in Danimarca l'ascolto digitale è al 37% (31% nel 2015) dopo la sostituzione del DAB con il DAB+ nel 2017 e una riorganizzazione della rete che hanno causato problemi evidenti. Infine la Gran Bretagna dove il passaggio da DAB (che ha la maggior parte dell'ascolto digiatle) e DAB+ crea problemi ma anche grandi vendite di apparecchi (nessun dato numerico però, ndr) col 90% delle auto fornite di radio digitale e oltre 110 canali disponibili.
Si attende il superamento del 50% di ascolto digitale nel 2018 per considerare l'ipotesi di un DSO che tuttavia è visto con molta cautela dalla BBC che vuole che il processo fosse guidato dalle preferenze degli ascoltatori. Magari.
Per leggere l'articolo, in inglese:
https://tech.ebu.ch/news/2018/05/digital-radio-progress-in-europe---switchover
834 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Commenti

Aggiungi un nuovo commento
  1. DAB: uno sguardo critico dall'America
    Segnalo che gli americani seguono con molto interesse la vicenda della radio digitale DAB che in Europa viene propagandata come la panacea della radio perfetta e irrinunciabile. Il giornalista Douglas Irving, da vero interessato alla radiofonia digitale, informa i broadcaster di oltreoceano della sua evoluzione in Norvegia. Da questo Link : https://www.radiomagonline.com/industry/the-latest-on-the-fm-switchoff-in-norway si può comprendere l'impatto la decisione assurda del passaggio al digitale a tutti i costi. L'articolo, di traduzione facile, forse dovrebbe leggerlo l'EBU e i sostenitori sfegatati di questa inutile tecnologia.
Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
RAI (Radio 2)
Rete Rossa:
Radio Cina Internazionale
Rete Azzurra:
RAI (Isoradio)
Rete Verde:
Italradio (Prove tecniche)

ItalWebRadio

Notiziario Italradio 20 novembre 2018
Il 24 novembre l'assemblea della Comunita' Radiotelevisiva Italofona; nuovi orari dei programmi internazionali in italiano; la radio argentina per l'estero compie 60 anni; nuova emissione delle poste tedesche sulla storia della televisione.

Notiziario Italradio 13 ottobre 2018
Si è svolto a Lugano il Premio Moebius 2018: dichiarazione di Alessio Petralli; sempre alta la fiducia degli italiani nella radio; cambia la distribuzione dei programmi Rai negli Stati Uniti; Radio Belgrade in un francobollo serbo.

Notiziario Italradio 6 ottobre 2018
Si completa il programma del XV Forum Italradio; la Svizzera abbandonera' la TV via etere; nuovo concorso di Radio Romania Internazionale; due collezioni sul tema radiofonico iscritte a Veronafil.

Notiziario Italradio 29 settembre 2018
Annunciato il XV Forum Italradio; possibile chiusura per il programma italiano dall'Iran; parte il palinsesto invernale di Radio Capodistria; Qui Italradio ritrasmesso anche da Radio Radicale.

On line

0 utenti registrati e 72 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.