Portale Italradio
Notizie e attualità sulle radio e televisioni in italiano nel mondo
... perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano:
Italiano English
Registrati o fai il login

Via l'FM ? Slovenia solo DAB dal 2022

Di LC, 23 Mag 2018 - 23:19

Rassegna stampa

Il Consiglio nazionale sloveno per la radiodiffusione (SRDF) ha stabilito già alla fine dello scorso anno un piano di passaggio al DAB+ entro il 2022. Se confermata la decisione avrebbe un impatto anche sui programmi italiani di RTV Capodistria e sulla loro diffusione transfrontaliera.
Secondo il notiziario di World DAB
https://worlddabeureka.org/2018/05/10/slovenia-proposes-digital-radio-switchover-date/
la riunione dello scorso 26 ottobre 2017, al punto 3 del verbale pubblicato (in sloveno)
http://www.srdf.si/File/Zapisnik_5.redne_seje_SRDF.pdf
la decisione ha trovato nella data del 22 febbraio 2022 il limite per l'abbandono dell'FM posto che la tecnologia ad essa legata sia superata.
La delibera del Consiglio, amministrazione indipendente che assegna le frequenze alle diverse reti e che è nominato dal Parlamento di Lubiana, sembra completa anche se le poche righe della decisione non approfondiscono il quadro del DAB sloveno, attualmente con una dozzina di canali che riprendono le principali reti di lingua slovena. Il passaggio al DAB porrebbe anche sul piatto una totale ristrutturazione dei servizi per le lingue italiana e ungherese e dunque per RTV Capodistria. Intervenendo al programma Glocal di Radio Capodistria lo scorso 1° ottobre il direttore Antonio Rocco segnalava che l'emittente stava lavorando "per entrare nel mux digitale sloveno, al quale non abbiamo potuto aderire in occasione del primo bando. Entrare nel digitale radiofonico sarebbe importante per riaffermare l'importanza dei programmi ai quali stiamo lavorando."
613 letture, Stampa [P] | PDF PDF



Copyright © by Osservatorio Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana - All rights reserved
Riproduzione vietata salvo quanto indicato nelle Condizioni d'uso o autorizzazione.

 

Ultime notizie riguardanti Attualità & Rassegna stampa

Commenti

Aggiungi un nuovo commento
  1. Abbandono F.M. e probabilmente A.M.
    Lo spegnimento della rete FM analogica è ben visto dagli operatori privati che finalmente potranno dedicarsi senza troppi sforzi e spese a distribuire i loro programmi, perché la rete F.M. costa e non è abbastanza "smart" per poter sopravvivere. Non mi dispiacerà più di tanto, anche perché in Italia la crescita dell'FM ha significato la morte delle Onde Medie e poi le canalizzazioni non le rispetta nessuno, rendendo l'ascolto impossibile in certe zone.
    Probabilmente ciò che ci attende è un periodo IP/DAB+, quest'ultimo viene esaltato dagli operatori perché lo definiscono come rinascita dell'autoradio, ma in realtà questa tecnologia ha un grave problema: nei comuni isolati dove internet è lento, la tv arriva solo via satellite, l'FM giunge debole, come credono di arrivare con un segnale digitale che oltre una certa soglia di rumore sparisce? E' qui che si capisce l'importanza delle Onde Medie, che è colta tutt'ora da pochi paesi purtroppo!
Aggiungi un nuovo commento

In onda sulla RMV

Rete Bianca:
Radio Capodistria
Rete Rossa:
Radio Alma (Brussellando)
Rete Azzurra:
WorldFm
Rete Verde:
Italradio (Prove tecniche)

ItalWebRadio

Attualita' 12 agosto 2018
Leggiamo insieme altri brani dell'introduzione del saggio "La radio tra convergenza e multimedialità - Riflessioni contro il pensiero radiophonically correct".

Attualita' 5 agosto 2018
Leggiamo insieme qualche brano dell'introduzione dal libro "La radio tra convergenza e multimedialità' - Riflessioni contro il pensiero radiophonically correct" (1.a parte)

Attualita' 29 luglio 2018
I dati di ascolto radio italiani del primo semestre 2018 diffusi dal TER mostrerebbero un calo di ascolti nel giorno medio di un milione di utenti. Esaminiamo i dati di Radio Vaticana Italia rispetto a quelli di alcune emittenti diocesane e del Circuito InBlu.

Notiziario Italradio 22 luglio 2018
Le onde corte vaticane resteranno per i Paesi che ne hanno bisogno; nuovi problemi sulle onde medie italofone; successo per i test in DRM+ nel Sudafrica; i radioamatori indonesiani ricordati da una serie di francobolli.

On line

0 utenti registrati e 84 utenti anonimi online.

Sei un visitatore anonimo. Ti puoi registrare qui.